Castel Firmiano Bolzano

L’Italia deve la sua bellezza anche ai suoi meravigliosi castelli sparsi tra le diverse regioni. Alcuni, in particolare, meritano di essere visitati almeno una volta nella vita. Uno di questi, ad esempio, è il Castel Firmiano di Bolzano, uno straordinario e affascinate maniero che rende orgoglioso l’Alto Aldige. Grazie alla sua particolare bellezza, ogni anno attira moltissimi turisti che rimangono affascinati dalla sua posizione, dalla sua storia e da tutto ciò che lo circonda.

Dove si trova il Castello Firmiano

Castel Firmiano è situato su una collina di roccia porifica, tra i comuni di Appiano e Bolzano. Si erge a sud ovest sulla confluenza del fiume Adige e Isarco, e questa meraviglia altoatesina è una delle più ampie della zona. Al suo interno sono conservate numerose tracce di storia e cultura da conoscere assolutamente.

Un po’ di storia del castello Firmiano

Il nome più antico del Castello è Formicar e pare che risalga a molto tempo fa, intorno al 945 d.C. Nei primi anni mille, divenne la sede dell’amministrazione dei principi vescovi di Trento. Dal XII secolo il castello è stato testimone del passaggio di diversi signori ministeriali, che ne cambiarono il nome in Formian, da qui poi trasformato in Firmiano.

Dopo questo lungo periodo, il castello entrò in possesso di diversi signori locali che purtroppo finirono per mandarlo quasi in rovina. Per evitarne il deterioramento totale, il principe del Tirolo Sigismondo d’Austria acquistò il castello portandolo a nuova vita. Purtroppo le sue elevate difficoltà finanziare lo obbligarono in seguito a pignorare il maniero e dunque a perderlo.

La storia di questo castello è tutto un susseguirsi di insuccessi e di signori locali che ne diventarono possessori. Lentamente andava a deteriorarsi, tanto che della parte più antica è rimasta soltanto la cappella, situata nella parte più alta, dedicata a San Biagio e San Ulrico, il vescovo di Augusta. Alcuni studi hanno portato in evidenza il fatto che questa cappella sia più antica del castello stesso. Pare dunque che fosse già presente, per essere poi accerchiata dall’intera costruzione. 

Dalla fine del XVIII secolo, il castello è passato tra le mani di vari conti, tra i quali figurano i Sorentino, fino ad arrivare agli ultimi, i conti Toggenburg nel 1994.


Piccole curiosità del castello di Firmiano

Il Castello Firmiano di Bolzano è ricordato da sempre come il posto che ha segnato l’autonomia dell’intero Alto Adige. Infatti, nel 1957 si è svolta un’ampia manifestazione di protesta guidata da Silvius Magnago.

Erano tantissimi gli altoatesini  (quasi 30 mila) che arrivarono per protestare contro l’accordo parigino del 1946 e per ottenere l’autonomia provinciale dell’Alto Adige. 

Vent’anni più tardi, una parte del castello divenne la dimora di un ristorante. L’idea venne ad una famiglia di albergatori che ne restaurò anche una gran parte in rovina. 

Ora il castello appartiene alla provincia di Bolzano, che nel 2003 ha dato il permesso al grande Rheinold Messner di inaugurare finalmente il suo museo della montagna.

Nonostante tutte le polemiche e i divieti, questo museo è ancora presente e merita sicuramente di essere visitato. In questo luogo, infatti, sono conservati diversi oggetti provenienti da ogni angolo del mondo che evidenziano l’amore dell’uomo per la montagna. Il castello è aperto al pubblico da marzo a novembre, diventando teatro di diversi eventi, come  mostre, conferenze, spettacoli e concerti. Inoltre, durante la visita è consigliabile salire sulla cima più alta per poter ammirare un panorama mozzafiato sulla conca di Bolzano.

Naturalmente, il castello ha subito numerose restaurazioni. Nei primi anni duemila, al suo interno è stata ritrovata una tomba risalente al periodo neolitico contenente i resti di una donna. A quanto pare, la tomba sembra risalire a 6mila anni fa, e forse anche di più.


Naturalmente, il castello ha
subito numerose restaurazioni. Nei primi anni duemila, al suo interno è stata ritrovata
una tomba risalente al periodo neolitico contenente i resti di una donna. A
quanto pare, la tomba sembra risalire a 6mila anni fa, e forse anche di più.

DOVE SIAMO

LoveBolzano.com
Via delle Fucine
39100 Bolzano

CONTATTI

Tel: +39 320 75 40 404
Email: info@lovebolzano.com

Torna su